Conto Corrente o Libretto di Risparmio: Tutto Quello che C’è da Sapere!

0
502
conto-corrente-o-libretto-di-risparmio-come-funziona

Per molti si pone l’alternativa di scegliere fra conto corrente o libretto di risparmio.

Tutti e due sono degli strumenti finanziari adatti per gestire il proprio denaro, quando si sceglie di affidarsi ad un istituto bancario.

Tuttavia possiamo dire che ci sono delle differenze fra questi due prodotti di cui si deve tenere conto, soprattutto per quanto riguarda il tipo di operatività e le finalità che si vogliono tenere in considerazione nel senso del deposito del proprio capitale.

Ma quali sono più nello specifico queste differenze?

In questa guida cerchiamo di comprendere quali sono più nei dettagli le differenze fra conto corrente o libretto di risparmio, per cercare di stabilire se è meglio un conto corrente o un libretto di risparmio.

Cosa trovi nell'articolo:

Perché è importante scegliere un conto corrente

Il conto corrente si contraddistingue come uno strumento finanziario importante per chi ha un reddito che deriva dal lavoro e per chi ha a che fare con pagamenti e scadenze.

È uno strumento finanziario molto flessibile, si può utilizzare per un largo tipo di operatività.

Infatti sul conto corrente puoi accreditare lo stipendio, puoi addebitare delle rate di finanziamenti, puoi domiciliare le bollette delle utenze domestiche.

Inoltre con il conto corrente puoi effettuare bonifici, prelevare denaro e fare acquisti con la carta di debito, il cosiddetto classico bancomat, ed emettere assegni.

Eventualmente puoi richiedere anche un fido bancario per una copertura momentanea.

Il conto corrente di solito ha un codice IBAN e può avere costi di gestione però più elevati rispetto ad un libretto di risparmio.

Quindi questo è un altro elemento di cui tenere conto se ci troviamo a scegliere fra libretto di risparmio o conto corrente.

Le tipologie di libretto di risparmio

Stiamo cercando di comprendere fino in fondo qual è l’alternativa possibile: conto corrente o libretto di risparmio?

Per poter scegliere in tutta tranquillità, analizziamo adesso quali sono le tipologie di libretto che hai a disposizione.

In generale il libretto di risparmio consiste in un deposito presso una banca.

Quest’ultima fornisce un documento cartaceo, in cui vengono riportate tutte le operazioni effettuate, come per esempio i prelievi o i versamenti.

Possiamo avere un libretto di risparmio postale o bancario, che di solito può essere distinto fra nominativo e al portatore.

Il primo è associato a persone, che possono essere fisiche o giuridiche.

La seconda tipologia, quella al portatore, non è collegata a dei soggetti precisi, ma a dei clienti che di solito vengono identificati dalla banca ogni volta che viene mostrato il libretto.

Con il libretto di risparmio puoi fare prelievi, versamenti, è previsto un accredito di interessi, ci possono essere anche degli sconti e delle promozioni sui rendimenti a livello di premio e può essere previsto anche il rilascio di una carta di debito.

L’alternativa del conto deposito

Se ti trovi nella situazione di dover scegliere conto corrente o libretto di risparmio, potresti considerare anche un’alternativa, che è costituita dal conto deposito.

La funzione principale del conto deposito è quella di conservare il capitale, anche se la sua operatività può essere limitata.

La differenza rispetto al libretto consiste nel fatto che con il conto deposito puoi avere interessi più elevati.

È opportuno comunque distinguere fra due tipi di conti deposito, quello libero e quello vincolato che rimanda ad una precisa scadenza.

Con la forma libera puoi prelevare il denaro ogni volta che ne hai la necessità.

Con quello vincolato, invece, devi rispettare delle date, però in genere proprio la forma vincolata è associata ad interessi più alti.

I costi

Vediamo adesso quanto costa il conto corrente e quanto costa un libretto di risparmio.

In questo caso non possiamo dare delle informazioni precise e dettagliate, perché il costo del conto corrente può variare in base all’istituto di credito che lo rende disponibile.

Bisogna sempre informarsi preventivamente fra le varie banche, anche perché spesso degli istituti di credito mettono a disposizione delle promozioni che sono piuttosto interessanti e che si rivelano piuttosto convenienti anche dal punto di vista economico.

Quando decidi di scegliere fra conto corrente o libretto di risparmio, tieni conto del fatto che, per quanto riguarda il conto corrente, ci potrebbero essere varie spese da sostenere, a seconda del prodotto scelto.

Per esempio ci sono i costi per l’apertura del conto, un canone che può essere mensile o annuale, gli oneri fiscali ed eventualmente delle commissioni da pagare per i prelievi bancomat che vengono effettuati presso altri circuiti bancari che non siano quelli della banca di riferimento.

Tuttavia puoi cercare di risparmiare, per esempio affidandoti ad una forma molto diffusa di conto corrente oggi sempre più in espansione, che è quella online.

Essendo un prodotto online, ti garantisce la massima flessibilità e puoi beneficiare di costi di gestione inferiori.

Per quanto riguarda il libretto di risparmio, invece, generalmente non vengono previsti costi per l’apertura e poi tieni conto anche della possibilità di essere esenti dall’imposta di bollo, sia per il conto corrente che per il libretto, secondo le normative vigenti.

Infatti secondo la legge il pagamento dell’imposta di bollo non è dovuto se la giacenza media del tuo prodotto finanziario non supera i 5.000 euro.

In caso contrario deve essere versato un pagamento di 34,20 euro ogni anno.

Ricordati che l’esenzione è valida soltanto per le persone fisiche.

Invece le persone giuridiche devono versare ogni anno 100 euro, senza tenere conto della giacenza media.

Qual è il prodotto migliore?

Volendo cercare di rispondere alla domanda: “è meglio un conto corrente o un libretto di risparmio?”, possiamo dire che non esiste una risposta univoca.

Infatti ogni volta che devi scegliere fra un’alternativa di questo genere devi sempre tenere in considerazione le tue esigenze personali collegate alla tua gestione finanziaria.

Se hai bisogno di un prodotto molto versatile, che ti consenta un’alta operatività, sicuramente un conto corrente può fare al caso tuo, mentre altri soggetti, come ragazzi o anziani, possono contare su prodotti alternativi che si rivelano importanti perché offrono interessi maggiori o hanno spese di gestione più basse.

Considera per esempio che spesso il libretto postale è a zero spese, anche se non è detto che gli interessi siano così particolarmente elevati.

TUTTE LE NOSTRE GUIDE LE TROVI QUI!

Ciao siamo la Redazione di Contocorrente.net. Sul nostro sito potrai trovare tutte le recensioni dei conti correnti, tutte le informazioni riguardanti le banche italiane e estere, e capirai come operare sulle home banking e le App Mobile delle banche. Puoi trovare inoltre guide e strumenti utili in grado di rispondere a molte tue domande! Gestisci al meglio i tuoi soldi!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here